L' amore a distanza esiste.

Sostieni un bambino a distanza anche tu.

Ama a distanza. Sostieni anche tu.

Dona speranza. Sostieni il loro futuro.

Il “Sostegno a Distanza” (SAD) consiste nel contribuire alla crescita formativa e al miglioramento delle condizioni di vita di un bambino di un Paese in via di Sviluppo. Il bambino rimane inserito nella sua comunità locale e assistito “a distanza” dalla famiglia sostenitrice, che provvede alla sua formazione scolastica, al suo sostentamento alimentare e alle sue cure sanitarie.

Il Sostegno a Distanza è destinato ai bambini di età compresa tra 0 e 12 anni e ragazzi tra i 12 e 17 anni.

Noi di ANPIL operiamo attualmente nei territori di Haiti, Mozambico, Paraguay, Congo e Guatemala.

Il tuo impegno costa meno di 1 caffè al giorno.

L’impegno per sostenere a distanza un bambino è di 20€ al mese per un anno. Vuol dire appena 0,70€ al giorno, neanche il costo di un caffè. Potrai versare il tuo contributo secondo i tempi e le modalità che preferisci ed essere sempre aggiornato sulle attività del bambino che hai deciso di sostenere.

Cosa offri al tuo bambino

Il tuo contributo garantisce un intervento concreto direttamente in loco per l’intero anno scolastico del bambino:

  • materiale didattico come libri, quaderni e penne 
  • la divisa per frequentare la scuola
  • un pasto al giorno all’interno della missione
  • l’assistenza medica di base.

Tutto quello che devi sapere sul sostegno a distanza.

Il contributo annuale richiesto equivale all’importo che in ogni Paese garantisce un intervento concreto per la sua vita e la sua crescita. Il nostro obiettivo è di garantire ad ogni bambino sostenuto cibo, assistenza sanitaria, un percorso scolastico completo e un aiuto alla sua comunità. Per questo, in funzione del Paese, delle situazioni contingenti, dell’iter scolastico, potranno esserci più sostenitori per lo stesso bambino.

Il minimo periodo richiesto per sostenere un bambino/a è di almeno 1 anno, che equivale generalmente all’intero percorso scolastico.
Il Sostegno a Distanza può comunque essere interrotto in qualsiasi momento.

Prima di tutto amore. Amore dal bambino in stesso e dalla sua famiglia per l’aiuto concreto che stai offrendo.
Il sostenitore riceve il Certificato di Sostegno del bambino contenente la sua foto, i suoi dati personali, le informazioni generali sul Progetto dei Sostegni e tutti i riferimenti per contattare ANPIL. Durante l’anno, inoltre, è premura di ANPIL inviare informazioni e foto aggiornate sul bambino e su tutte le attività di sensibilizzazione svolte.

I missionari locali che collaborano con ANPIL individuano i bambini maggiormente bisognosi di un aiuto. Attraverso l’analisi delle condizioni familiari, dell’ambiente sociale in cui sono inseriti e delle problematiche più evidenti. Malnutrizione, stato di salute, inserimento nelle strutture scolastiche, sono soltanto alcuni di questi. 

  1. Tramite l’invio di lettere o doni.
    Il sostenitore può scrivere al bambino una lettera e ANPIL si occuperà della traduzione inviandola al missionario responsabile locale che la recapiterà. 
    É opportuno non indicare il proprio indirizzo nelle lettere. Questo per evitare alla famiglia sostenitrice di essere subissata di continue richieste di denaro, aiuti e richieste di essere portati in Italia. Tali richieste sono assolutamente comprensibili, ma una corrispondenza di questo tipo può creare moltissimi problemi ai missionari locali e creare molte gelosie tra i diversi nuclei familiari. Non inviare mai soldi nelle lettere. Sì a messaggi brevi e semplici. Sì a fotografie, cartoline e disegni.
  2. Tramite il coordinamento di ANPIL è possibile inviare anche doni: vestiti, materiale scolastico e giochi semplici (no giochi elettronici che necessitano di pile o giochi per computer).   Sarà premura di ANPIL far recapitare al bambino, tramite i missionari locali, il dono.
  3. Tramite incontri di persona
    Chi vuole incontrare il proprio bambino recandosi sul posto, può farlo contattando ANPIL con almeno 3 mesi di anticipo. Generalmente una volta all’anno ANPIL organizza dei gruppi di volontari che in estate e con un accompagnatore esperto, si recano nelle diverse missioni. ANPIL fornirà tutte le informazioni del caso ed inserirà il sostenitore nel gruppo di volontari in partenza. Tutte le spese (viaggio e soggiorno) sono a carico di chi partecipa al gruppo.

Nel mondo sono milioni i bambini che vivono in condizioni precarie, emarginati e sfruttati. Nessun accesso a istruzione e una vita in una strada ai limiti della sopravvivenza. Sostenere un bambino a distanza vuol dire offrire una possibilità di riscatto ad almeno uno di loro.

Sostegno a distanza

"*" indica i campi obbligatori

Nome
Email
Consenso*
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Comincia subito a sostenere il tuo bambino! Scegli il periodo ed effettua la tua donazione:

Sostegno a distanza

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: 20,00€